Cosa facciamo

“La casa di Antonia” propone una tipologia di servizi innovativi rivolti alle persone con disabilità, che vanno a integrare e potenziare l’offerta dei centri socio-riabilitativi attualmente presenti sul territorio. Si tratta di interventi altamente personalizzati, basati sulle più recenti ricerche e sviluppati secondo i modelli dell’inclusione, della partecipazione e della Qualità di Vita (QdV). I nostri percorsi di crescita mettono al centro l’individuo e sono formulati tenendo nella massima considerazione le sue abilità, le sue potenzialità, il contesto e le esigenze dei familiari.

Il nostro modello

L’idea su cui si fonda il nostro approccio è che tutte le persone con disabilità, se opportunamente seguite e stimolate, ciascuna secondo le proprie capacità, possano sviluppare abilità utili nel quotidiano che gli consentano di raggiungere un certo grado di autonomia e di inclusione nel contesto sociale e territoriale.

Per le persone disabili, essere autonomi non significa soltanto acquisire determinate competenze, ma la possibilità di sentirsi adulti nella dimensione psicologica, affettiva e sociale. Adulti non perché siano in grado di fare tutto da soli, ma perché riescono a integrare le proprie competenze con quelle altrui e sanno chiedere aiuto quando ne hanno bisogno. Autonomia significa quindi rivestire un ruolo funzionale nella società, che non ha solo a che fare col ruolo lavorativo, ma anche con il tempo libero e con le relazioni affettive e sessuali.

Acquisire le abilità richieste per un buon funzionamento giornaliero, essere stimolati intellettualmente per la propria crescita personale, vivere in modo il più possibile indipendente utilizzando i supporti necessari, sviluppare quella capacità di autodeterminazione che si traduce nel quotidiano scegliendo secondo le proprie preferenze o i propri bisogni. Questi sono gli aspetti principali che vengono presi in considerazione nella stesura di un “Progetto di Vita”, un piano orientato allo sviluppo e al potenziamento delle risorse che permetteranno alla persona disabile di affrontare efficacemente il presente, ma soprattutto il futuro. Questo progetto viene redatto dall’educatore all’inizio del percorso, con la collaborazione della persona e dei suoi familiari, ed è quindi unico e personalizzato per ciascun utente. Il nostro servizio si basa su percorsi individualizzati, strutturati tenendo conto degli obiettivi che sono stati stabiliti nel “Progetto di Vita”, che sostiene esigenze di normalità affettiva, educativa, esperienziale e di ruolo sociale. Si tratta di bisogni comuni, presenti in ogni uomo e propedeutici a ogni altro intervento riabilitativo specifico.

La durata e l’intensità dell’intervento variano in relazione agli obiettivi concordati. I risultati che ci impegniamo a raggiungere nel “Progetto di Vita” sono sempre concreti e misurabili. Per questo, i progressi vengono esaminati insieme a tutti i soggetti coinvolti attraverso momenti intermedi di verifica, che ci aiutano a valutare l’efficacia del progetto e, se necessario, apportare modifiche o cambiamenti sulle quali poter effettuare successive valutazioni.

Obiettivo del servizio

La finalità del servizio è favorire l’inclusione sociale della persona potenziando e sviluppando le sue autonomie personali attraverso:

  • L’acquisizione di competenze sociali spendibili nella vita quotidiana, grazie a un lavoro mirato sugli aspetti relazionali ed educativi della persona.
  • Il sostegno della persona disabile all’interno del proprio nucleo familiare e del contesto sociale, per favorire il suo benessere e quello dei suoi conviventi.
  • Il sostegno alle famiglie nel loro ruolo fondamentale di cura della persona, per valorizzare il loro prezioso contributo e supportarle nelle loro attività sia nei momenti critici e di disagio, che nella vita quotidiana.
  • Il dialogo con le risorse presenti sul territorio, per mettere in contatto le persone disabili e le famiglie con tutte le realtà che offrono loro la possibilità di arricchire la propria rete di supporto e le relazioni interpersonali.
Le attività

Le attività da noi ideate per raggiungere le finalità appena elencate, possono essere suddivise in tre tipologie:

Attività Laboratoriali

In un contesto educativo protetto e di gruppo vengono svolte attività ludico/ricreative, occupazionali, espressive, finalizzate al potenziamento e/o al mantenimento delle abilità della persona con disabilità, all’acquisizione di nuove competenze e alla capacità di stare in gruppo.

Alcuni esempi:

  • Laboratorio sull’autogestione del tempo libero.
  • Laboratorio di cura del sé.
  • Laboratorio di autonomia domestica.
  • Laboratori sull’alimentazione.
Attività individuali

L’educatore accompagna la persona, individualmente, nello svolgimento delle varie attività al fine di aiutarlo ad applicare le abilità acquisite in contesti formativi di gruppo.

Alcuni esempi:

  • Attività per stimolare la creatività, l’attenzione e la memoria.
  • Attività per mantenere(ed esercitare) le capacità motorie.
  • Attività per il riordino dello spazio personale e lo spazio comune.
  • Attività per la costruzione di oggetti (creativo-occupazionale).
Attività socio relazionali ed educative indirizzate all’autonomia

Preparare le persone con disabilità a saper stare all’interno di un contesto sociale è fondamentale per coltivare la loro autonomia e tutte le dimensioni legate all’età adulta.

Alcuni esempi:

  • Attività per favorire la capacità di socializzazione e imparare a relazionarsi con gli altri in maniera adeguata.
  • Attività di stimolazione emozionale.
  • Attività per il riconoscimento e il rispetto delle regole sociali e familiari.
  • Attività volta all’autonomia abitativa.
A chi si rivolge
  • Adulti e adolescenti in condizione di disabilità con deficit di natura psichica, intellettiva e neuro-motoria con compromissioni delle autonomie funzionali, che abbiano bisogno di interventi a carattere educativo, riabilitativo e assistenziale.
  • Persone di età superiore ai 35 anni con esiti da trauma o da patologie invalidanti che, dimessi dal sistema sanitario o socio-sanitario abbiano bisogno di un percorso che li porti ad acquisire nuove abilità per favorire l’inclusione sociale.
Vuoi saperne di più?
Incontriamoci per un colloquio gratuito